2015 ci volevi ma ti saluto volentieri

IMG_7818Visto che proprio ora sono così impegnato con me stesso, voglio cercare di dipingere il mio autoritratto con le parole. – V. Van Gogh

Non ci girerò intorno, questo post è più per me che per chi legge. Il 2015 è stato un anno pieno, incasinato e difficile. Bellissimo, per carità. Ho fatto scelte importanti, ho deciso di riprendere il controllo di ciò che andava storto, e, porca vacca se sono “testona”, ho fatto in modo di aggiustarlo. Ho iniziato battaglie che ancora conduco, ho scalato montagne che ancora sogno e ho scoperto spazi nuovi. Ho smesso di guardare fuori e ho ricominciato a guardarmi dentro. Una fatica immane.  Continua a leggere

La vita è un viaggio: Calzedonia, Julia Roberts e me

273172-400-629-1-100-julia

La vita è un viaggio, Julia Roberts per Calzedonia

Piazza Duomo, Firenze, autunno 2014. L’aria è umida, così come le mie guance. Cammino. Vicino a una chiesetta che amo, un musicista di strada e la sua fisarmonica intonano “Le Valse d’Amelie”: lo Yann Tiersen di un film senza tempo, che non smette mai di farmi sognare. Guardo in alto; la luce fredda post-tramonto trasforma Santa Maria del Fiore in una cattedrale blu, intensa e protesa verso il cielo cobalto. Sembrano salutarmi, le luci laser dei venditori ambulanti riflesse nelle pozze per terra. Le osservo, mentre continuo a camminare. Mi chiedono se mi voglio tuffare, sprofondando. Continua a leggere

Sulla testa!

imagesPer la serie #piccoleconquiste, bisogna che mi annoti questo fatto, rendendovi tutti partecipi. Anche le copywriter fanno la verticale. Come sapete, faccio Yoga da un po’ e questa cosa, insieme alla fit boxe, mi ha letteralmente salvato la vita. I benefici della pratica costante dello Yoga sono immediati: uno entra a lezione accartocciato e col giramento di scatole e ne esce che è un fiorellino di campo proteso e sorridente verso il sole. Sembra magia, ma vi giuro che non lo è. Sarà perché i muscoli si distendono, sarà perché la mente smette di vagare per i fatti suoi e finalmente si concentra su un punto (ad esempio a tenere ben distese le dita dei piedi. Ve lo ricordate mai di distendere le dita dei piedi?Ne hanno bisogno, sapete?), fatto è che se volete vivere bene, vi consiglio di provarla. Continua a leggere

Chi ha paura del cambiamento?

download (1)“Molti credono che cambiare sia difficile, doloroso e lungo. Il cambiamento in sé non è nessuna di queste cose. Il problema è il tempo che sprechiamo a opporci ad esso e temerlo. Per esempio, baciare per la prima volta qualcuno è un cambiamento, ma dubito che sia spiacevole! Per dirla con parole buddiste, quando stiamo male soffriamo perché crediamo che sarà sempre così. Poi quando le cose cambiano (e accade sempre) e viviamo di nuovo momenti stupendi iniziamo a temere di perdere quello che abbiamo. E ci alleniamo così ad avere paura del futuro.” Continua a leggere

Reinvent yourself: la nuova campagna di Jaeger-LeCoultre

reinvent1Lo spot  si apre come il più emozionale dei trailer. Inquadratura dal basso verso il cielo: si scorgono i rami di un albero, una luce bianco-rosata, un raggio di sole. Prende corpo una carrellata di immagini toccanti, che sciolgono dentro. Una neonata splendida, occhi blu, in braccio alla mamma; ancora i rami dell’albero, visti dal basso: è la bambina a guardarlo, il cielo. Accenna un sorriso inebriato. Questa luce romantica irradia anche la scena successiva. Continua a leggere

Perchè la vita è bella

julia-roberts-spot-laviebelle-lancome-1La vie est belle” è un profumo squisito. Ce l’ho da poco, ma dentro di me l’ho sempre desiderato. Ora che lo indosso, sento che è proprio il mio. Gelsomino, fiori d’arancio, patchouli … essenze dolci e nobili. Incredibile, come mi emoziona la campagna pubblicitaria. Sarà che la protagonista è Julia Roberts, che io adoro (ho visto tutti i suoi film) e che con quel sorriso ti spezza la pancia in due, sarà che l’atmosfera della pubblicità, così ovattata ed elegante, mi trasporta quasi violentemente in un’altra dimensione (ed io amo viaggiare verso dimensioni inesistenti), ma il fatto è che ogni volta che guardo questo spot un “brividino” mi percorre la schiena. Continua a leggere